Suor Maria Cira Destro (1818 – 2018)

In occasione del bicentenario della morte di Suor Maria Cira Destro, la storia di questa insigne clarissa corleonese è stata ricostruita attraverso documenti inediti nel libro “Suor Maria Cira Destro. Storia di una mistica corleonese” a cura di Bernardo Briganti, Vincenzo Campo e Francesco Marsalisi.

I dati raccolti contribuiscono a delineare il profilo di una donna che ha dedicato la propria vita a Dio, tramandandoci un esemplare modello di santità. Maria Antonia (questo il nome che le era stato assegnato il giorno del suo Battesimo) nacque a Corleone nel 1782 da Gaetano Destro e Serafina Governali. Negli anni in cui visse, Corleone apparteneva al regno di Ferdinando IV di Borbone e nel territorio vi erano pochi ricchi e molti poveri, verso i quali suor Maria Cira si mostrò sempre magnanima e generosa.

Una figura importante nella vocazione religiosa della santa donna fu il decano Benedetto Canzoneri, suo confessore, il quale nel 1801 la indirizzò al monastero del’Annunziata (Batia Nuova) di Corleone nell’ordine di Santa Chiara. In monastero le altre consorelle si accorsero della piaga nel petto di Suor Maria Cira e, considerandola “contagiosa”, nell’anno della probazione si opposero alla sua ammissione alla vita religiosa. Il corpo della donna era segnato da cinque piaghe: nel petto, nelle mani e nei piedi, tanto profonde da mostrare “nervi e ossa”. Nell’agosto del 1809 le piaghe miracolosamente si rimarginarono e lei se ne rattristò molto, confessando che Gesù la stava privando delle sue “misericordie”.

Mons. Gabriele M. Gravina, accogliendo le richieste delle consorelle di suor Maria Cira, l’aveva allontanata dal monastero, ma successivamente le consentì di ritornare, riconoscendo nelle sue sofferenze alcun contagio. Nel corso della sua vita la clarissa corleonese dovette contrastare molte calunnie, come quelle del vicario foraneo Giuseppe Bentivegna.

Dopo una vita colma di sofferenze, persecuzioni e invidie che culminarono in uno sventato tentativo di avvelenamento, suor Maria Cira si ricongiunse al Padre il 24 luglio del 1818.

 

Informazioni su Angela Sabatino

Nasce a Corleone il 03/05/1993. Dopo la maturità classica consegue presso l'Università degli Studi di Palermo prima la laurea triennale in Studi filosofici e storici (marzo 2016) e, in seguito, anche la laurea magistrale in Studi storici, antropologici e geografici (ottobre 2017) riportando la valutazione di 110/L. Nel novembre 2017 fonda il blog "il caffè storico" per condividere la sua passione per gli studi storici. Auspica in futuro di concludere la stesura di un romanzo.
Questa voce è stata pubblicata in Corleone, Il caffè storico e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.