LE ORIGINI DELL’UNIVERSO

Fino al 1924 si credeva che la galassia fosse l’intero universo; poi, con il telescopio di Mount Wilson, gli astronomi scoprirono che la nostra galassia è solo una fra le tante e che l’universo è immensamente più grande.

I modelli che hanno tentato di dare una spiegazione alla nascita e all’evoluzione dell’universo sono stati due:

– il modello stazionario in cui l’universo in espansione è caratterizzato da una continua creazione di materia che ne garantisce il mantenimento. 

– il modello inflazionario secondo il quale l’universo non è sempre esistito, ma è nato in seguito a una grande deflagrazione  nota come Big Bang , termine coniato nel 1949 da Fred Hoyle, durante un programma radiofonico sulla BBC per denigrare la teoria del “Grande Scoppio”. La Big Bang theory è stata formulata da Alexander Friedmann nel 1929 e completata da George Gamow nel 1940.

In origine tutto era concentrato in un atomo, dalla densità e gravità infinite: tempo e spazio erano azzerati e la temperatura era elevatissima. Il nucleo di energia è esploso e ha cominciato a dilatarsi, creando lo spazio in cui si espandeva. In una frazione infinitesima di secondo, il volume dell’Universo crebbe miliardi di volte, mentre la temperatura scese rapidamente. L’energia si condensò prima in particelle elementari (elettroni, protoni, neutroni,antielettroni, fotoni, neutrini, ecc. ), poi nei primi nuclei atomici. L’Universo rimase una nebulosa di radiazioni e gas, finché elettroni e nuclei si unirono, formando un gas di idrogeno e, in parte minore, di elio. Dopo milioni di anni si erano già formati i primi agglomerati di materia, che aggregandosi a loro volta per l’attrazione gravitazionale, daranno vita a stelle e a tutti gli altri corpi celesti.

  • L’ESPANSIONE DELL’UNIVERSO E LA RADIAZIONE COSMICA

 

La Big Bang Theory è suffragata dalla legge sull’espansione dell’universo di Edwin Hubble. Nel 1929 l’astronomo e astrofisico statunitense Hubble scoprì che le galassie si allontanano alla velocità di migliaia di km/s e più è grande la loro distanza dalla Terra e più è alta la velocità di allontanamento. La sua ricerca scientifica ha permesso di calcolare le distanze nello spazio e di stimare all’incirca l’età dell’Universo.

Ad accreditare il modello inflazionario è anche la scoperta della radiazione cosmica, ovvero l’espulsione elettromagnetica originata pochi istanti dopo il Big Bang, che fu individuata da A. Penzias e R. Wilson. Nel 1965 i due ricercatori americani stavano mettendo a punto un’antenna per seguire alcuni satelliti artificiali messi in orbita per le comunicazioni. L’antenna captava microonde che provenivano con uguale intensità da tutte le direzioni dello spazio. Si trattava di un resto della radiazione primordiale.

Potrebbe interessarti ⇒ Tributo a Stephen Hawking: l’astrofisico della ‘Teoria del Tutto’

 

 

 

 

Informazioni su Angela Sabatino

Nasce a Corleone il 03/05/1993. Dopo la maturità classica consegue presso l'Università degli Studi di Palermo prima la laurea triennale in Studi filosofici e storici (marzo 2016) e, in seguito, anche la laurea magistrale in Studi storici, antropologici e geografici (ottobre 2017) riportando la valutazione di 110/L. Nel novembre 2017 fonda il blog "il caffè storico" per condividere la sua passione per gli studi storici. Auspica in futuro di concludere la stesura di un romanzo.
Questa voce è stata pubblicata in Il caffè storico, Storia Antica e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a LE ORIGINI DELL’UNIVERSO

  1. Anonimo scrive:

    sintesi, per quanto estrema, efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.